PRIMAVERA IN ARRIVO

La perfetta beauty routine per acne e pelle grassa

La primavera è la stagione che incoraggia ad adottare buone abitudini per la pelle con la promessa di mantenerle per tutto l’anno.

Per chi ha la fortuna di avere una pelle in buono stato le routine saranno mirate a reidratarla dopo le intemperie invernali, ad esfoliarla in modo da riscoprirne lo strato più fresco e illuminarla preparandola all’estate.

 

Ma chi con la pelle del proprio viso ha un rapporto poco buono perchè segnata da acne o è eccessivamente grassa?

Le ghiandole sebacee hanno un ruolo importante per la nostra pelle, non solo quella del viso, ma se funzionano male, se sono ostruite o se la produzione di sebo è eccessiva,  innescano il meccanismo della “pelle grassa” o seborrea che degenererà in acne o punti neri.

Una sovrabbondanza di sebo darà inizialmente l’effetto “pelle oleosa” con notevoli difficoltà, sul viso, a mantenere una buona gestione e durata del make up.

Per questo motivo impulsivamente si cerca rimedio nella regola degli opposti: usare prodotti sgrassanti che in prima istanza funzioneranno ma che a lungo andare spingeranno la pelle a produrre più sebo.

Il sebo e’ la nostra prima barriera difensiva

Questa sostanza infatti costituisce una barriera importantissima per la nostra pelle, quindi più ne cerchiamo di togliere più le nostre ghiandole risponderanno producendone.

Quando il canale di sbocco si occlude il sebo misto alle impurezze origina i cosiddetti punti bianchi, microcosmi in cui i batteri cattivi normalmente presenti sulla pelle prendono il sopravvento causando il tipico arrossamento attorno alla pustola.

Pratica comune che frequentemente ho notato da dietro il bancone della mia farmacia è l’uso orale di antibiotici specifici e topico di pomate con antibiotico e cortisone.

Sebbene in alcuni casi si renda necessario un approccio così aggressivo, nella stragrande maggioranza causano macchie permanenti nella zona del brufolo dovute alla loro azione fotosensibilizzante.

COSA HANNO NOTATO LE RAGAZZE CHE HANNO INSERITO I MIEI DETERGENTI SOLIDI NELLA LORO BEAUTY ROUTINE

Sostituire i detergenti con SLES, SLS e quelli aggressivi con sostanze antiacne con un detergente solido a base di olio d’oliva quotidianamente aiuta a lenire la pelle infiammata, pulisce i condotti sebacei e esfolia naturalmente lasciando la pelle liscia e levigata.

Il pH dei detergenti solidi permette di asportare anche i make up più resistenti quindi rappresenta una valida alternativa agli struccanti aggressivi.

E dopo aver deterso il viso?

Anche la pelle grassa o acneica ha bisogno di essere idratata e soprattutto elasticizzata.

La crema viso deve essere leggera, con oli vegetali ad azione antinfiammatoria, sostanze attive che aiutano a mantenere l’idratazione durante tutta la giornata ed estratti astringenti che dolcemente aiutano a mantenere la pelle pura.

Stendetene un velo la mattina prima del make up e una dose più abbondante la sera prima di andare a dormire in modo che agisca da sleeping mask ristorando la pelle durante il riposo notturno.

Adesso non vi resta che provare personalmente i miei consigli 😉