Sostanze utili contro la cellulite

Cellulite e accumuli adiposi sono senza alcun dubbio gli inestetismi che tormentano di più le donne. La cellulite è prevalentemente riscontrata nelle donne mentre gli accumuli adiposi si riscontrano anche negli uomini.

Fisiologicamente la cellulite, già affrontata in un precedente post, è un processo infiammatorio che comporta la diminuzione degli scambi emotissutali, la diminuita ossigenazione dei tessuti e la conseguente ritenzione idrica con aumento delle scorie.

Il vaso sanguigno in un tessuto cellulitico viene strozzato perdendo la sua completa funzionalità negli scambi.
L’accumulo adiposo al contrario va considerato il predecessore della cellulite stessa, e deriva dall’inglobamento all’interno degli adipociti dei triacilgliceroli, molecole ad alto contenuto energetico che l’organismo usa come riserva. I Triacilgliceroli vengono sintetizzati partendo dagli zuccheri in eccesso che il nostro organismo individua, grazie all’azione dell’insulina, come necessari per le scorte.

Sono quindi due le azioni necessarie affinché una crema snellente/anticellulite possa essere definita efficace:

1) Azione lipolitica, che riesca cioè ad avviare il meccanismo di mobilitazione degli acidi grassi, lipolisi, producendo energia;
2) Azione drenante e depurativa, che riesca cioè a portar via le scorie dal tessuto infiammato;

Quando decidiamo di comprare una crema snellente o anticellulite dovremmo sempre assicurarci che siano contenute alcune delle sostanze elencate qui sotto e che nell’elenco INCI, che riporta il contenuto di attivi in una formulazione, queste sostanze siano ai primi posti o prima della dicitura “parfum”. Come sappiamo, nell’INCI il posizionamento di una sostanza rispetto le altre indica la maggiore o minore quantità nel prodotto. Il Parfum viene inserito nella formulazione in quantità ridottissime quindi qualsiasi sostanza venga riportata dopo questa dicitura è stata inserita in quantità ancora minori.

SOSTANZE AD AZIONE LIPOLITICA

Lipolitici

Tra le sostanze più comunemente utilizzare per favorire la mobilizzazione dei grassi dal tessuto vi sono gli attivi delle alghe. Nell’INCI troverete diciture quali:

  • Gelidium Sesquipedale
  • Fucus Vesciculosus

Agiscono aumentando la disponibilità dei trigliceridi immagazzinati e la lipolisi. Inibiscono inoltre l’azione di un enzima, la Perilipina, che è fisiologicamente deputata ad accendere il meccanismo cellulare grazie al quale vengono conservati i trigliceridi.

  • Sphacelaria scoparia
  • Phyllancanta fibrosa:

La Phyllacanta contrasta la maturazione dei preadipociti in adipociti maturi, capaci di immagazzinare lipidi. Viene usata spesso nelle creme snellenti indicate per la menopausa agendo bene sui meccanismi rallentati in quella fascia di vita.

  • Laminaria digitata
  • Caffeina

Agiscono promuovendo la reazione di scissione materiale degli acidi grassi.

  • Arancio amaro (Citrus aurantium amaro)
  • Lotus marittimus

L’arancio amaro aumenta il metabolismo basale e quindi la richiesta di energia a partire dai triacilgliceroli. Il Lotus marittimus è un potente antiossidante e contrasta la produzione di radicali liberi durante le reazioni di lipolisi.

Altri principi attivi che si possono trovare nell’INCI di creme snellenti e tonificanti :

  • Quillaia saponaria
  • Kigelia
  • Proteine del grano (Hydrolyzed wheat protein)

Bloccano il rilassamento cutaneo e migliorano la tonicità del derma e dei tessuti di sostegno.

 

SOSTANZE AD AZIONE DRENANTE

  • Sale marino (Sal maris)
  • Escina (aesculus hippocastanum)
  • Centella Asiatica

favoriscono lo smaltimento  dei liquidi in eccesso dai tessuti eliminado anche le scorie metaboliche.

  • Mentolo (menthol)
  • mentil lattato (menthyl lactate)
  • ethilnicotinato (Ethilnicotinate)

Sono responsabili dell’effetto caldo (etilnicotinato), o freddo (mentolo e mentil lattato), che stimolano la contrattilità vasale aumentando il microcircolo e quindi l’assorbimento dei principi attivi presenti nelle creme.

Queste le sostanze ad oggi più presenti nelle formulazioni cosmetiche volte allo snellimento e allo smaltimento della cellulite. Importantissimo quindi rimane il consiglio fornito da personale formato che deve essere in grado di indirizzare verso la composizione migliore sulla base della propria condizione fisica.

Leggi anche:

.button-5900bf3cb9638 { margin-bottom: 15px; margin-top: 0px; min-width: 0px !important; } .button-5900bf3cb9638 { background-color:#f09f8c; } .mk-button.button-5900bf3cb9638.flat-dimension:hover { background-color:#dd3333 !important; }
Recommended Posts

Leave a Comment

nutrizionehummus